stiamo tranquilli…

Schermata 2015-01-27 alle 00.00.38

Dove sono tutti quanti? [EN]

73 commenti

Su segnalazione di @noranta4.

Il paradosso di Fermi sorge nel contesto di una valutazione della probabilità di entrare in contatto con forme di vita intelligente extraterrestre. E questo è quello che dice Wikipedia.
In questo articolo c’è un’analisi di tutte le possibilità del perché ciò non sia avvenuto; e nonostante sia piuttosto pedante nel descrivere ogni punto scorre grazie alle infografiche e allo stile molto da bar oserei dire.

Everyone feels something when they’re in a really good starry place on a really good starry night. […]
Some people stick with the traditional, feeling struck by the epic beauty or blown away by the insane scale of the universe. Personally, I go for the old “existential meltdown followed by acting weird for the next half hour.” But everyone feels something.
Physicist Enrico Fermi felt something too—”Where is everybody?”

Immagine da Wikipedia.

Già che ci siamo: grazie a noranta4 per i complimenti, e benvenuto!


Dai commenti
@Pere Ubu ci consiglia un libero adattamento dell’articolo in italiano, da Leganerd.

 

Errori o problemi nell'introduzione? segnalaceli.
Commenta qui sotto e segui le linee guida del sito.

  • marius

    Perchè chi scopre l’energia nucleare e le altre cose non dovrebbe poi essere capace di gestirle?

    0
  • Orgo ⚛☈❡♂

    Perchè pone la sopravvivenza dell’intera specie nelle mani di singoli. Il che forse è gestibile per qualche decennio, ma dubito lo sia per 1000 anni. La probabilità che uno di questi individui dia di matto o che ci siano incidenti diventa praticamente prossima al 100%, con lo scorrere del tempo.

    0
  • giovannim

    Che sia un rischio importante (1983 Able Archer) e che quindi un certo% di civiltà siano terminate con un gran botto penso sia ragionevole pensarlo.
    Ma ritenere l’universo come un cimitero una discarica di ecatombi nucleari, boh.

    0